Museo del Brigantaggio

Descrizione

La fine del 1700 è caratterizzato da numerosi atti di brigantaggio che turbano la sicurezza delle campagne del Vulture.

Fanno eco le imprese del famigerato Angiolillo (Angelo del Duca) e dei fratelli Bufaletto (Pasquale e Vito Giordano) e Maccapane (Tommaso Grosso).
È solo a seguito dell'unificazione italiana che si sviluppò quel brigantaggio a risonanza nazionale con le gesta di Carmine Crocco e la sua banda di briganti, di cui è allestita la mostra permanente “La Parata dei Briganti” ed il museo virtuale sul Brigantaggio, allînterno del complesso dell'Ex Grancia-Ex Carcere Borbonico, recuperato e restaurato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Potenza, in accordo con il Comune di Rionero in Vulture, con finanziamenti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e finanziamenti della Regione Basilicata. In accordo con il GAL-Vulture Alto Bradano è stato allestito il detto museo virtuale allocato, all’inizio, nei vani del Palazzo Giustino Fortunato.

Il museo virtuale sul Brigantaggio e la mostra permanente “La parata dei Briganti” con l'ausilio di nuove tecnologie (touch scren, video, audio-guide) è divisa in sezioni e si sviluppa su due livelli:

  • al piano terra nella sala d'ingresso coperta con volta a crociera è allocata la reception e una piccola biblioteca di volumi sul brigantaggio;
  • a destra, nell’ex cella dei detenuti, la saletta proiezioni-convegno.

Al primo piano il percorso museale comprende:

  • Sala Briganti - ex cella per detenuti ammalati;
  • Sala Brigantesse - ex cella per detenuti donne;
  • Sala Crocco — ex cella per detenuti di piccoli reati.

Il Museo virtuale sul brigantaggio è la prima struttura cittadina destinata a museo e mostra permanente, rappresenta per la collettività occasione di conoscenza e approfondimento di un periodo tra i più travagliati della seconda metà dell’ottocento ed un’opportunità didattica per le scuole del circondario e non solo.

Info

  • Museo del Brigantaggio
  • Largo Mazzini
            85028 Rionero In Vulture (PZ)
  • anno 2014


Percorsi correlati

sulla vetta più alta, il Monte Vulture

La strada percorsa dai boscaioli che da Rionero in Vulture salivano verso la Montagna che domina l’intera Valle.

  • Durata: 3 ore
  • Livello: Base

la strada delle acque

Attraversando ruscelli e fontane ricche di acque effervescenti naturali in mezzo a campi coltivali e ricchi di testimonianze antiche.

  • Durata: 2 ore
  • Livello: Base

Da vedere nei dintorni

Torre Angioina

Descrizione

Restaurata nel 1993 e restituita al suo antico splendore, la Torre Angioina è tutto ciò che resta del castello costruito dagli angioini e distrutto dal terremoto del 1694. Essa è l’unica superstite delle quattro torri che si ergevano a guardia e protezione...

Sorgenti acque minerali

Descrizione

Disseminate nel bellissimo territorio del Vulture, millenarie sorgenti regalano purissime acque agli abitanti di questa terra e a chi, negli anni, ne ha saputo apprezzare le caratteristiche uniche. Immensa ricchezza ed indiscusso orgoglio per il territorio...

Duomo di S. Maria ad Nives

Descrizione

Opera di grande pregio artistico, il Duomo di S. Maria ad Nives risale al XIV sec. Notevole è il portale d'ingresso dove le decorazioni del sole e della luna richiamano motivi islamici. Le distruzioni provocate dai diversi terremoti che hanno sconvolto il...

Scavo Paleolitico

Descrizione

Il sito paleolitico del Cimitero di Atella, individuato agli inizi degli anni '90, è ubicato nei pressi della periferia comunale. Dalla stratigrafia del sito si è evidenziata la sua localizzazione sulle rive di un lago, oggi scomparso, creato durante il...